In ricordo di Pino Ferraris, Angelo Bonelli

Pino Ferraris ci ha lasciati. Oggi si terranno i suoi funerali, e con lui se ne va un osservatore attento, profondo, e mai banale, della nostra società, dei processi sociali, del mondo del lavoro, capace di raccontare i mutamenti del nostro frenetico tempo mentre questi sono ancora in divenire.

Dai movimenti operai al sindacato, passando per la lunga esperienza delle cattedre universitarie, Pino ha sempre portato innovazione ed entusiasmo in qualsiasi esperienza della sua vita, interpretandola sempre con lo spirito rivoluzionario che ha chi vuole cambiare la società, per renderla più giusta. Segretario dello PSUIP di Torino, autore dei Quaderni Rossi, dirigente della sinistra (PSI, PSIUP,PDUP,DP), co-fondatore de Il Manifesto, poi sociologo, non ha mai smesso di studiare Pino, e  tra le ultime cose che ci lascia ci sono gli scritti sui movimenti giovanili di tutto il mondo, da quelli di Wall Street, a quelli della Primavera Araba, in cui vi ritroviamo una lucidissima capacità di analisi circa il web, e di “connessione” che produce “associazione”. Una capacità di lettura dei fenomeni sociali, e di interpretazione del mondo, unita a quella visione per il futuro talmente rara, e di cui abbiamo bisogno di questi tempi, che ci faranno mancare ancor di più Pino Ferraris.

Angelo Bonelli, Presidente nazionale dei Verdi

6 febbraio 2012

Lascia un Commento